Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti


null

Home > ??? NavText ???

Su Prugadoriu 2010

pagina in continuo aggiornamento.

 per info: tel: 0782/539002 oppure 0782/54611
                 mail: fabio.moi@comune.seui.og.it oppure prugadoriu.seui@tiscali.it

Anche quest'anno, il 30 e 31 ottobre e il 1° novembre, si rinnova "Su Prugadoriu", antica tradizione che si svolge nella caratteristica cornice del centro storico di Seui.
Alla suggestione di un ambiente pressoché intatto, fanno da contorno una serie di iniziative che rievocano le peculiarità di questa ricorrenza legata al culto delle anime.
La festa richiama infatti alla memoria l'usanza dei bambini di andare per le case chiedendo un'offerta per le anime del Purgatorio, al fine di alleviare le loro pene.
L' antica tradizione si ripropone attraverso la rappresentazione delle espressioni proprie della cultura seuese e legate al mondo agro-pastorale.
 

Sono da annoverare nel programma di questa edizione varie iniziative culturali volte a far conoscere gli aspetti più autentici della tradizione popolare di Seui.

Di particolare interesse è “Sa omu de sa maja” ove verrà allestito uno spazio in cui saranno riproposti gli antichi canti dei morti (is attitidus), cosi come meritevole di riguardo, per le sue antiche origini, sarà la presentazione della caratteristica maschera di Seui (Sa Mammulada) opportunamente ricostruita e di cui verrà ampiamente divulgata la storia.

Un' attenzione particolare sarà rivolta a quegli aspetti della tradizione che riguardano la magia e la superstizione sul cui tema si terrà un convegno e una rappresentazione teatrale.

Le tre giornate in cui si articola la festività saranno inoltre animate dalla presenza di svariati intrattenimenti, non solo tradizionali. Inoltre è prevista la proiezione e la presentazione di un importante film sardo, in parte girato a Seui, e il concorso fotografico dal titolo "Lethargy of custom: Castiai cun atrus ogus su chi portais in carigas” con montempremi di 1000 euro.

Al visitatore sarà inoltre offerta la possibilità di visitare il paese a bordo di un trenino laddove le guide illustreranno le particolarità di Seui e le sue tradizioni.

Sarà possibile visitare gli antichi "mangasinus" in cui, per l'occasione, verranno allestiti degli spazi espositivi delle lavorazioni artigianali tipiche del territorio ogliastrino e della barbagia di Seulo. In tali ambienti si potranno degustare i vini e formaggi della produzione locale e i sapori tipici della cucina seuese, tra cui i rinomati culurgionis e civargeddus prenus.

Il contesto in cui si svolge la festa rappresenta sicuramente una delle ragioni che rendono particolarmente appetibile l'appuntamento.
L'atmosfera che si vive è quella del borgo medievale tra il chiaroscuro di luci soffuse e l'antica tradizione dei mastri.

E' un rivivere come un deja vu la propria storia, le proprie radici e le proprie tradizioni.

Da non perdere


 

Condividi su:

Vai su